Warning: main(calendar/cl_files/calendar.php) [function.main]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.apavterni.it/home/news.php on line 22

Warning: main() [function.include]: Failed opening 'calendar/cl_files/calendar.php' for inclusion (include_path='.:/php4/lib/php/') in /web/htdocs/www.apavterni.it/home/news.php on line 22





























Bookmark and Share
 

   NEWS

18-02-2012
A fari spenti nella notte
È una fiction sul tema ancora misterioso della dislessia, con Guido Caprino, Anita Caprioli, Francesca Inaudi. S'intitola "A fari spenti nella notte", è prodotta da RaiFiction e andrà in onda in prima serata su RaiUno il 20 febbraio.
Nel 1984, lo sceneggiatore Ugo Pirro scrisse un libro doloroso, "Mio figlio non sa leggere", raccontando l'odissea che lui e il figlio Umberto avevano vissuto in totale solitudine nell'universo di una patologia che spesso non veniva neanche riconosciuta. "Solo in Italia avere un figlio dislessico è una tragedia senza qualità che si rappresenta davanti all'indifferenza della scuola e delle istituzioni pubbliche" scriveva Pirro.
Oggi è proprio Umberto Mattone, quel figlio ex dislessico, a essere sceneggiatore, insieme alla moglie neurologa Alessandra Murri, del film affidato alla regia di Anna Negri. "All'epoca, i bambini dislessici venivano considerati semplicemente scemi" dice la Negri.
"Eppure una lista incredibile di grandi geni, come per esempio Churchill, ha sofferto di dislessia durante l'infanzia. Il nostro film parte da un incidente, in seguito al quale il protagonista perde completamente la memoria.
Da questo "giallo", la storia procede a ritroso per risalire alla dislessia come causa del comportamento distruttivo di una persona che non ha metabolizzato quel disturbo infantile". Anna Negri ha lavorato a stretto contatto con i protagonisti-sceneggiatori della storia.
"Abbiamo parlato a lungo. E Umberto è tornato in quel luogo di disperazione del suo passato. La sua era una famiglia di intellettuali, eppure perfino in un ambiente del genere la presa di coscienza del fatto che Umberto avesse un problema è stata lenta e difficile.
Questo viaggio nel trauma lo ha aiutato a fare i conti con il suo passato. Sono felice perché il film gli è piaciuto molto".

Articolo del Venerdì di Repubblica del 17-02-2012 di Monica Capuani

 

Archivio news:


24-12-2017
AUGURI DI BUONE FESTE!
08-10-2017
Un portale per le scuole amiche della diselssia
Dal 5 ottobre sulla piattaforma
02-10-2017
II Settimana Nazionale della Dislessia!
Dal 2 all’8 ottobre è in programma la Seconda Se...
15-04-2017
AUGURI DI BUONA PASQUA
L'APAV augura a tutti vo...
15-04-2017
Dislessia, c'è una proposta di legge
ROMA. Dalla formazione obbligatoria per i docenti...
12-03-2017
Agevolazioni per i dislessici, dalle lingue all'Iva ridotta
ROMA. Non solo deleghe della Buona Scuola. Il diri...
26-12-2016
Auguri di Buone Feste!!!
L...
15-12-2016
Sportello di consulenza,
15-12-2016
La dislessia in scena: "Dove sei Albert?"
Riva del Garda
Francesco Riva, 22 anni, brillan...
31-08-2016
Riprende lo sportello di consulenza
Da...

Pagina: 1 2 3 4 5 6 7  >

 
 

Apav - Terni Associazione Parole che volano - sondaggio








Copyright©2021 - APAV - Associazione Parole che Volano - Tutti i diritti sono riservati
Sede Legale via Montefiorino, 12c - Terni C/o CE.S.VOL. - CF/P.I. 91053830559
Telefono: 3894853726 - Contatto e-mail: info@apavterni.it